Supporto

Informiamo i nostri clienti che da oggi è disponibile l'assistenza tramite tickets.
Apri un ticket
Invia una richiesta a compry.it
Per il contatto telefonico, gli orari vanno dalle ore 10:00 alle ore 18:00.

Contatti commerciali

06.929.47.633
338.52.46.493
06.622.77.418

Contatti skype

Compry su Facebook

Iscriviti al feed compry

RSS compry

Ecommerce professionale

Da dove si riconosce un sito ecommerce professionale?

Ecommerce professionaleMolti sono i fattori che contribuiscono nel definire un "sito ecommerce professionale". va da sè che un sito ecommerce è per antonomasia uno strumento professionale, in quanto è usato dai commercianti (professionisti appunto) per vendere ai clienti... Diciamo che esistono piattaforme ecommerce più professionali e piattaforme ecommerce meno professionali.
Non faremo nessun tipo di raffronto tra le diverse soluzioni presenti sul mercato, per ovvi motivi, ma ti riassumeremo i fattori principali che contribuiscono sensibilmente a rendere una piattaforma ecommerce più professionale di un altra.

  • Semplicità di utilizzo: il sito deve essere facilmente gestibile dall'amminitratore e ancor più facilmente utilizzabile dal potenziale cliente, che deve trovare facilmente il prodotto di suo interesse, metterlo nel carrello, scegliere la spedizione ed effettuare il pagamento come meglio desidera in pochi e semplici passi.
  • Completezza delle funzioni: il sito ecommerce professionale deve possedere tutte le funzionalità che occorrono per la vendita del tuo prodotto, qualunque esso sia. Deve avere la gestione del catalogo con categorizzazione (multi categoria e livelli infiniti è meglio), marca, la gestione delle caratteristiche più dettagliate possibili per il prodotto (più immagini, video, caratteristiche tecniche, listini multipli, spedizioni per singoli prodotti, ecc ecc). Deve aiutarti a gestire il tuo marketing nella maniera migliore, coupon e buoni sconto, email marketing, esportazioni e integrazioni verso e dai gestionali più comuni, ecc. Se vendi abbigliamento deve permetterti di inserire le taglie, i colori, le varianti.
  • Tipi di pagamento: la piattaforma deve permettere l'acquisto tramite tutti i tipi di pagamento più comuni possibili: paypal express checkout, paypal pro, paypal standard, bonifico bancario, ritiro e pagamento in sede, POS virtuali delle banche quali SOAR, X-PAy, SETEFI, KEYCLIENT, BANCASELLA, vaglia postale, postepay, ecc ecc.
  • Spedizioni: il sito deve permetterti di gestire i costi di spedizione dei prodotti come meglio ti aggrada, non sei tu che ti devi adattare al sito, ma il sito che deve adattarsi alle tue esigenze.
  • Grafica: deve potersi differenziare graficamente dalla massa, devi poterlo fare in proprio o farlo fare al fornitore (anche a pagamento), non deve essere uguale ad altri 10000 siti..
  • Cataloghi esterni: deve permetterti di gestire i cataloghi di fornitori (esprinet, pixmania, lindy, brevi,ecc), se ti occorre.
  • Motori di comparazione prezzi: deve permettere l'esportazione di qualsiasi prodotto verso qualsiasi motore di comparazione prezzi (ciao.it, trova prezzi, google shopping, ecc) nella maniera più flessibile possibile. I click spesso si pagano nei comparaprezzi e devi poter decidere QUALI prodotti esportare verso QUALI comparaprezzi.
  • Motori di ricerca e posizionamento: il sito ecommerce professionale deve essere studiato e realizzato per ottenere il massimo risultato di visibilità nei motori di ricerca più importanti (google, yahoo, bing e pochissimi altri) e deve permettere all'eventuale azienda alla quale vorrai affidare il posizionamento del tuo sito (SEO) di poter intervenire nel dettaglio di ogni pagina per effettuare un posizionamento corretto dei contenuti.
  • Limitazioni: non devono essere presenti limiti di banda del server dove risiede il sito, nè di visite,se possibile nennemo di spazio web, sicuramente non di query nel database. Molti pongono limiti di prodotti, verifica che il "taglio" che stai acquistando ti sia sufficente, stessa cosa per le categorie e le marche.
  • Dominio: Il sito essere puntato su un dominio (assolutamente di tua proprietà, registrato a nome tuo fin da subito) di secondo livello, ad esempio www.iltuodominio.it, non iltuonome.nomefornitore.it.
    Diffidare dai fornitori che registrano il nome a dominio intestandolo alla propria società, il nome deve essere intestato e registrato a nome del cliente.